Analisi PEST per il Marketing: tutto quello che devi sapere

Hai mai sentito parlare di analisi PEST? È imprescindibile per l’analisi di Marketing ed è davvero facile da imbastire… se si sa cosa fare.

Questo è l’obiettivo di questo articolo. Ti racconterò cos’è, come si fa e a cosa serve l’analisi PEST nel Marketing.

Partiamo!

Cos’è l’analisi PEST

Diciamolo subito chiaramente: non c’entra nulla con quella bubbonica di secoli fa, ma PEST è un semplice acronimo; uno di quelli per cui gli anglofoni vanno evidentemente matti.

Un acronimo che identifica gli ambiti stessi di analisi che la PEST riguarda, ovvero:

  • Politico
  • Economico
  • Sociale
  • Tecnologico

La PEST altro non è che uno strumentodi scansione”, scansione dell’ambiente in cui si opera a 360 gradi. Con questa analisi ci si fa un’idea completa del settore in cui siamo, così da poter procedere poi ad una analisi SWOT realistica e fondata e, infine, ad una strategia di Marketing vera e propria.

Quindi abbiamo già imparato diverse cose:

  1. La PEST è un’analisi di Marketing
  2. È un’analisi prevista per la realizzazione di un piano di Marketing
  3. Si dovrebbe sempre fare prima dell’analisi SWOT
  4. Riguarda 4 ambiti molto diversi fra loro, a prescindere dal tuo settore

A che serve l’analisi PEST

Molto spesso si pensa che ogni analisi sia utile di per sé perché ci mostra informazioni e dati aggiuntivi e quindi non sia necessario porsi davvero la domanda “Ma a cosa mi serve realmente quello che sto facendo?”.

In verità, però, le cose non stanno proprio così, anzi…

Ogni analisi – e questo è vero – ci regala una miriade di informazioni, il problema sta proprio nella mole di dati che poi toccherà analizzare, sotto il peso dei quali si rischia di restare schiacciati.

Avere più informazioni non è necessariamente un bene se non hai la potenza di calcolo di Google e Facebook per analizzarle.

L’analisi PEST, quindi, potrebbe a prima vista sembrare proprio una di quelle analisi “in più”, un vezzo o un esercizio di stile fine a se stesso, perché se la mia azienda produce penne a sfera che mi importa di analizzare lo scenario politico o tecnologico, no?!

Ecco, no. Deve importarti, perché la politica e la tecnologiacome tutti gli ambiti della PESThanno impatto su tutto in maniera diretta quanto in maniera indiretta. Prendiamo l’aspetto politico, magari è in cantiere una nuova legge che incoraggia la digitalizzazione; significa che tutti gli uffici non avranno più bisogno di carta e penna, quindi forse è il caso di giocare d’anticipo e concentrarsi nella ideazione di penne più “emotional” che “functional” per intercettare chi la penna a sfera la acquista per altre ragioni e non per il banale lavoro d’ufficio, e così via…

Come si fa l’analisi PEST

Per ogni ambito di analisi bisogna porsi specifiche domande. In in team di Marketing, spesso i quattro ambiti sono indagati da quattro persone differenti; questo avviene per una duplice ragione:

  1. Da un lato l’analisi risulterà più imparziale, perché nessuno ha potuto condizionare le evidenze riscontrate in tutti e quattro gli ambiti.
  2. Dall’altro, i tempi tecnici si riducono notevolmente perché tutto il lavoro verrà svolto in un quarto del tempo.

Ma vediamo ora come approcciarsi ai quattro ambiti di analisi della PEST.

Ambito politico

Qui dobbiamo prendere in analisi le tendenze politiche che potrebbero avere influenza nel nostro settore, magari con nuove leggi in arrivo o anche solo fortemente caldeggiate che possano avere impatto diretto o indiretto (vedi l’esempio delle penne a sfera che facevamo prima). Tipicamente, vanno presi in considerazione anche fattori come la stabilità politica, le restrizioni commerciali o la politica fiscale.

Le domande da porsi in questa fase di analisi possono essere:

  • Quali sono le tendenze politiche?
  • Quali temi sono a cuore alle forze politiche in campo e su quali il Governo vuole puntare?
  • È possibile invece siano introdotte limitazioni al settore in cui opero?

Ambito economico

Qui è invece lo scenario economico che ci interessa, compresi i movimenti di mercato che potrebbero agevolare tanto quanto ostacolare i nostri piani imprenditoriali. Vanno considerate varie cose, come la crescita economica del settore in cui si opera, così come eventuale inflazione o recessione, nonché i prezzi delle materie prime che ci riguardano più da vicino.

Le domande da porsi in questa fase di analisi possono essere:

  • Ci sono relazioni commerciali con Paesi vicini in questo settore?
  • Si sta sviluppando un nuovo mercato magari complementare?
  • Alcune materie prime stanno subendo variazioni di costo?
  • Ci sono nuovi metodi per accedere a finanziamenti?

Ambito sociale

Qui ci occupiamo di comprendere le dinamiche sociali della comunità in cui operiamo; dinamiche non a 360 gradi, ma quelle in grado di influenzare la domanda in maniera diretta o indiretta. Si tengono anche in considerazione l’andamento dell’età media perché, ad esempio, un’età media elevata implica invecchiamento della popolazione, ergo forza lavoro ridotta (causa pensionamento) o comunque tendenzialmente meno performante e “aggiornabile” a nuovi processi produttivi.

Le domande da porsi in questa fase di analisi possono essere:

  • Come stanno cambiando le abitudini di consumo?
  • Come sta mutando l’assetto socio-demografico di mio riferimento?
  • Sono sorte nuove malattie, nuove paure?
  • C’è una classe sociale che si distingue di più sulle altre?

Ambito tecnologico

Qui, invece, il focus è tutto sulla tecnologia e sul suo impatto su ricerca e sviluppo di nuovi processi produttivi o nuove soluzioni di Marketing o di servizio stesso. Vanno considerati tutti i possibili aspetti tecnologici “abilitanti”: l’invenzione dello smartphone ha aperto nuovi mercati con l’arrivo delle app e dei servizi da queste dipendenti, ad esempio.

Le domande da porsi in questa fase di analisi possono essere:

  • Stanno emergendo nuove tecnologie che potrebbero impattare nel settore?
  • Quali settori potenzialmente collegati stanno vedendo una importante evoluzione tecnologica?
  • Le nuove tecnologie consentono di aprirsi a nuovi mercati e aree geografiche?

Conclusioni

E questo è tutto quello che dovresti sapere prima di approcciarti ad un’analisi PEST!

Se stai realizzando un piano di marketing e vuoi approfondire anche gli altri step per crearne uno efficace, puoi leggere questo articolo in cui ne parlo approfonditamente.

Questo articolo invece finisce qui, non dimenticare che se vuoi comprendere e sfruttare il Digital Marketing puoi seguire Digital flow su Instagram, dove pubblichiamo contenuti utili per chi vuole conoscere meglio questo mondo.

Ti consiglio inoltre di iscriverti alla newsletter, in questo modo riceverai un avviso ogni volta che uscirà un nuovo articolo sul blog e riceverai dei contenuti esclusivi, ovviamente a tema digital marketing.

In questo articolo ti ho parlato dell’analisi PEST nel Marketing.

A presto e ricorda…

Comprendi e sfrutta il digital marketing.

Oppure rimani succube del suo potere e accettane le conseguenze.

Leave a Reply

"Orientarsi nel digitale" ora disponibile!

La guida che ti mostra come trovare la tua strada ed entrare nel mondo professionale digitale

Guida Instagram "Profilo efficace"

É finalmente disponibile la nostra guida: