Babbo Natale, un simbolo nato dal marketing di Coca-Cola

Babbo Natale è sicuramente uno sei simboli più conosciuti al mondo, ma molti non sanno che la sua nascita, per come lo conosciamo oggi, è legata alla Coca-Cola.

Già, hai capito bene…

Il paffuto omone di rosso vestito è diventato il personaggio che conosciamo grazie alle campagne pubblicitarie di Coca-Cola, che lo hanno caratterizzato e lanciato con forza nell’immaginario collettivo popolare.

Andiamo, quindi, a vedere come è nato Babbo Natale…

La nascita di Babbo Natale

Partiamo subito da questo concetto:

Coca-Cola non ha inventato nulla.

Infatti, relativamente all’argomento, le persone si dividono in due gruppi:

  • Quelle che non conoscono affatto il legame tra Babbo Natale e Coca-Cola;
  • Quelle che, invece, sono convinte che sia stato proprio il noto brand a creare la figura di Babbo Natale.

Coca-Cola non ha inventato Babbo Natale, ma ha preso un personaggio già esistente (sepolto in una vecchia tradizione storica poco conosciuta) e lo ha esaltato, lanciandolo in tutto il mondo a suon di campagne marketing e facendolo diventare il simbolo che tutti noi conosciamo.

Coca-Cola, dunque, non ha inventato Babbo Natale, ma ha contribuito in modo decisivo a farlo sbocciare.

Ma quindi, come è nato veramente?

Sembra che il personaggio abbia origine da San Nicola, Vescovo di Myra, protettore dei bambini.

In alcuni paesi nordici, infatti, il nostro amato Babbo Natale è ancora interpretato da San Nicola.

Il nome Santa Claus (“Babbo Natale” in inglese) deriva, infatti, dalla parola “Sinterklass“, San Nicola in olandese.

Il personaggio, negli anni, è stato ripreso più volte nelle tradizioni di diversi paesi del mondo, assumendo sempre un ruolo simile, ma con qualche aspetto diverso, e subendo, di fatto, l’influenza delle diverse culture che incrociava sulla sua strada.

Coca-Cola lancia Babbo Natale

Coca-Cola prende le immagini confuse e discordanti sulla figura di Babbo Natale e crea quello che, a tutti gli effetti, è il Babbo Natale paffuto, gioioso e barbuto che oggi è presente nell’immaginario collettivo di milioni di persone.

Nel 1931, Coca-Cola ha avuto l’intuizione di adottare questo personaggio e sottoporlo a un vero e proprio restyling, facendolo diventare un personaggio positivo da legare al proprio brand.

Ha iniziato ad utilizzarlo in diverse campagne pubblicitarie, sfruttando la propria potenza di fuoco mediatica per farlo diventare, molto presto, un personaggio conosciuto da tutti e il simbolo pagano per eccellenza del Natale.

Il colore del vestito di Babbo Natale

Sfatiamo un altro mito:

Coca-Cola non ha inventato il colore attuale dei vestiti di Babbo Natale, come verrebbe da pensare.

Come ti dicevo, prima che la strada di Babbo Natale incontrasse quella di Coca-Cola, il personaggio non aveva un’identità chiara e compariva in diverse culture in modo diverso.

Questo vale sia dal punto di vista delle tradizioni e della storia del personaggio, ma anche dal punto di vista della rappresentazione visiva.

Infatti, Babbo Natale veniva rappresentato in vari modi, tra cui, appunto, con il vestito rosso e bianco che tanto conosciamo oggi.

Coca-Cola non ha fatto altro, quindi, che prendere la rappresentazione visiva del personaggio che meglio si affiancava al brand stesso e raffigurare Babbo Natale in quel modo.

Quali colori migliori del rosso e bianco che sono proprio i colori della stessa Coca-Cola?

La trasformazione in simbolo

Babbo Natale, quindi, inizia ad essere utilizzato in tantissime campagne pubblicitarie di Coca-Cola.

Sfruttando il grandissimo valore attrattivo del brand americano, il personaggio diventa ben presto un simbolo popolare del Natale.

Di fatto quello, che ha fatto Coca-Cola, in modo semplice e geniale, è stato dargli una standardizzazione, definendolo a livello globale e amplificando il messaggio e la diffusione grazie al suo enorme potere sul mercato.

Coca-Cola e il Natale

Questa è una delle strategie di marketing migliori di tutti i tempi.

Coca-Cola ha avuto l’intuizione geniale di accostare il personaggio di Babbo Natale al proprio brand, divenendo un brand che, a tutti gli effetti, rispecchia tutti i valori positivi del Natale.

Questi iniziano ad essere associati anche alla bevanda più famosa del mondo, facendola diventare un vero e proprio simbolo del Natale.

Quante volte ti è capitato di associare Coca-Cola al Natale?

Trovo incredibile come un simbolo che ormai è entrato pienamente nella nostra vita quotidiana, nelle tradizioni e nelle culture di tantissime nazioni in tutto il mondo, possa essere nato da un’operazione di marketing.

Questo ci ricorda, ancora una volta, quanto un brand con un marketing eccellente possa impattare sulle nostre vite.

Conclusioni

L’abbinata marketing-Natale ti affascina?

Allora, non perdere questoi articoli di approfondimento!

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti abbia fatto capire come Babbo Natale sia nato da una campagna marketing di Coca-Cola.

Ricordati che se vuoi comprendere e sfruttare il digital marketing puoi seguire Digital flow su Instagram, dove pubblichiamo contenuti utili per chi vuole conoscere meglio questo mondo.

Ti consiglio inoltre di iscriverti alla newsletter, in questo modo riceverai un avviso ogni volta che uscirà un nuovo articolo sul blog e riceverai dei contenuti esclusivi, ovviamente a tema digital marketing.

Comprendi e sfrutta il digital marketing.

Oppure rimani succube del suo potere e accettane le conseguenze.

Leave a Reply

Guida in 7 punti sulla lead generation

Scarica gratuitamente la guida sui 7 punti fondamentali della lead generation.

Guida Instagram "Profilo efficace"

É finalmente disponibile la nostra guida: