Il calendario dell’avvento, esempio di gamification marketing

Cosa c’entra la gamification nel marketing con il calendario dell’avvento?

Trovo veramente interessante come sia possibile trovare dei concetti di marketing in situazioni e prodotti di utilizzo quotidiano che sono sotto i nostri occhi tutti i giorni.

Questi prodotti fanno parte delle nostre vite e non ci accorgiamo che contengono delle chiare strategie.

In questo articolo voglio farti riflettere sulla strategia dietro al calendario dell’avvento.

Il calendario dell’avvento

Il calendario dell’avvento è ormai da anni una tradizione consolidata in molte famiglie, che acquistano calendari delle marche più disparate per accompagnare tutta la famiglia durante il periodo Natalizio.

Il calendario dell’avvento non è altro che una “scatola sorpresa” con tante piccole finestrelle, una per ogni giorno dal 1 al 25 dicembre, che devono essere aperte nel giorno corrispondente e danno in cambio una sopresa.

Kinder, Lindt, Haribo, ma anche IKEA, sono soltanto alcuni dei brand che hanno fatto ormai del proprio calendario dell’avvento un appuntamento fisso ogni anno.

La gamification

La gamification altro non è che l’applicazione di concetti legati al gioco in contesti non strettamente legati ad attività ludiche, come ad esempio il marketing.

La raccolta punti al supermercato è gamification, lo è lo stato di avanzamento di un video corso online, ma lo è anche il calendario dell’avvento.

Una delle caratteristiche principali della gamification infatti è quella di mostrare alle persone il loro stato di avanzamento in un determinato percorso, indipendentemente da quale esso sia, per dargli appunto la percezione di avanzamento, di crescita.

Applicazione della gamification

Questo è proprio quello che avviene con il calendario dell’avvento se ci pensi, ogni giorno apriamo una finestrella, un passo in più per arrivare fino a Natale.

Entra poi in gioco la dinamica della sorpresa, per cui ogni giorno sale la curiosità per quello che troveremo aprendo la finestrella e così il giorno dopo, creando un circolo virtuoso di alimentazione della scoperta e della voglia di progredire nel calendario.

Appunto un esempio perfetto di gamification.

Vantaggi per i brand

I vantaggi per i brand i questo utilizzo della gamification nel marketing che si manifesta con il calendario dell’avvento sono diversi.

Banalmente i brand riescono a vendere il prodotto calendario dell’avvento ad un prezzo nettamente superiore alla somma dei piccoli regali contenuti al suo interno.

Ma il vantaggio economico non si ferma qui.

Infatti il grandissimo altro vantaggio è quello di rimanere nella vita quotidiana delle persone per tutto dicembre.

Ogni giorno è un nuovo punto di contatto tra il brand e il cliente che in questo modo lo tiene costantemente nella sua mente, per lo più in un periodo estremamente prolifico come il Natale.

A questo si aggiunge poi che i brand che lanciano i propri calendario dell’avvento sono solitamente quelli più avvantaggiati dal periodo natalizio (IKEA, Kinder, Ferrero Rocher, Haribo, ecc.)

Il calendario IKEA

Il calendario dell’avvento di IKEA non poteva che distinguersi dagli altri, come tanto piace fare al brand svedese.

IKEA propone infatti il suo calendario a un prezzo di 13€, assicurando però al suo interno di far trovare una card da un buono sconto che va da 5€ a 1.000€.

In questo modo la percezione del cliente è che il costo del calendario sia ridotto (perchè male che va viene trovato un buono sconto di 5€ da spendere da IKEA) e allo stesso tempo viene attratto, oltre che dai cioccolatini contenuti all’interno, anche dalla possibilità di vincere un succoso buono sconto da 1.000€.

Ad IKEA come al solito piace distinguersi dalla massa.

Chiaramente il calendario dell’avvento in quanto tale non nasce precisamente come una strategia di marketing studiata a tavolino da degli esperti di qualche multinazionale.

Nasce probabilmente per altri motivi, ma credo sia interessante vedere come una cosa si possa evolvere e adattare ad altri contesti.

Io, personalmente, in questo ci vedo una chiara strategia di marketing, ma sono curioso di sapere la tua sull’argomento.

Conclusioni

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti sia stato utile per capire come è possibile integrare la gamification nel marketing.

Ricordati che se vuoi comprendere e sfruttare il digital marketing puoi seguire Digital flow su Instagram, dove pubblichiamo contenuti utili per chi vuole conoscere meglio questo mondo.

Ti consiglio inoltre di iscriverti alla newsletter, in questo modo riceverai un avviso ogni volta che uscirà un nuovo articolo sul blog e riceverai dei contenuti esclusivi, ovviamente a tema digital marketing.

In questo articolo ti ho parlato dell’esempio della gamification nel marketing del calendario dell’avvento, a presto e ricorda…

Comprendi e sfrutta il digital marketing.

Oppure rimani succube del suo potere e accettane le conseguenze.

Leave a Reply

Guida in 7 punti sulla lead generation

Scarica gratuitamente la guida sui 7 punti fondamentali della lead generation.

Guida Instagram "Profilo efficace"

É finalmente disponibile la nostra guida: