Come Amazon ha trasformato i fallimenti in fonte di fatturato

Amazon (nome completo Amazon.com, Inc.) è l’azienda di commercio elettronico che tutti conosciamo nata in America, con sede a Seattle.
È la più grande Internet company al mondo e proprio grazie a questo permette al suo presidente esecutivo (ex CEO) Jeff Bezos di guadagnare 20 miliardi in un giorno.

Business model di Amazon: ovvero come guadagna?

Dalla sua nascita nel 1994 ad oggi, l’azienda ha avuto una crescita esponenziale.
Pensate che nel 2018 (anno di grandi fallimenti) ha superato il trilione di dollari in valutazioni.

Ma quali sono le fonti di guadagno di Amazon?

  • in primis la vendita di prodotti su uno dei più ricchi e-commerce del mondo. Qui si trovano prodotti propri di Amazon (Amazon Echo, Firestick, Amazon Basics e Kindle), prodotti di altre aziende che sfruttano la piattaforma per la logistica e la spedizione, prodotti di aziende terze venduti dalle stesse che sfruttano Amazon come vetrina
  • Amazon Prime: la vera scommessa riuscita dell’azienda
  • AWS: Amazon Web Service, la piattaforma cloud che offre servizi web altamente specializzati (il settore a crescita più rapida)
  • Amazon Music Unlimited: un servizio che si pone come competitor di Spotify, dove le entrate arrivano dalla pubblicità
  • Amazon Kindle: il più vasto negozio di libri mondiale
  • Audible: sì, anche Audible fa parte del gruppo Amazon
  • Amazon Advertising
  • Twitch, acquisita da Amazon nel 2014 e oggi la più grande piattaforma di gaming in costante crescita

Le fonti di guadagno di Amazon sono diversificate e lavorano su più livelli e in settori differenti.
Questo permette di ridurre i rischi nei casi di fallimento di un servizio.

Quali (e quanti!) sono stati gli insuccessi di Amazon

Non solo top nella storia dell’azienda.
Come ogni CEO che si rispetti, Bezos ha ammesso anche i flop: qualche fallimento Amazon del resto poteva permetterselo.
Non solo li ammette, ma ritiene che il fallimento faccia parte della chiave del successo.

“Quando si fanno scommesse audaci bisogna prenderle come esperimenti — ha detto Bezos — non si può sapere prima del tempo se funzioneranno. Per loro stessa natura, gli esperimenti sono soggetti al fallimento, ma alcuni grandi successi compensano dozzine di cose che non hanno funzionato”.

Ecco i più grandi flop che Amazon ha superato sotto la sua guida

Fire phone

Annunciato da Bezos con grande clamore nel giugno 2014, come una delle novità che avrebbe rivoluzionato il futuro di Amazon.
Quasi due mesi dopo la sua messa in vendita, il telefono ha ricevuto recensioni negative dalla critica a causa della sua mancanza di funzionalità e del prezzo elevato.
Nonostante Amazon avesse già ridotto il prezzo da 200 dollari a soli 0,99 centesimi, la vendita di Fire Phone viene interrotta circa un anno dopo.
I critici considerano Fire phone il primo e più grande fallimento di Amazon.
Nell’ottobre dello stesso anno, Amazon ha annunciato una svalutazione di 170 milioni di dollari “principalmente correlata alla valutazione dell’inventario dei telefoni Fire e ai costi di impegno dei fornitori” nel suo rapporto sugli utili trimestrali.

Crucible

Crucible, un gioco multiplayer gratuito, è stato lanciato a maggio 2020 dopo cinque anni di lavoro e milioni di dollari di sviluppo. Il gioco ha funzionato male contro i competitor e non ha mai raggiunto abbastanza giocatori simultanei per sfondare.
Appena un mese dopo è stato ritirato dal mercato.

Haven

Dai videogiochi alla sanità: Haven è stata la joint venture sanitaria condivisa da Amazon, JPMorgan e Berkshire Hathaway.
Le tre società hanno lanciato Haven nel 2018 per risolvere il problema dell’aumento dei costi sanitari (in America) e migliorare le opzioni di assistenza per i propri dipendenti.
Secondo quanto riferito, Amazon era riluttante a impegnarsi con Haven, il suo CEO se ne andò e perse il sostegno finanziario. Have è stata chiusa nel febbraio 2021, anche se le società hanno affermato che avrebbero ancora lavorato insieme su piani sanitari per i propri dipendenti.


Amazon Spark

Amazon Spark viene lanciata nel 2017 e si propone come una piattaforma di acquisto “visiva” ispirata a Instagram.

Ovvero si basava sull’idea che i clienti sfogliassero un feed ricco di foto e con i prodotti presenti nelle fotografie: un nuovo modo di fare acquisti e scoprire la vasta gamma di articoli venduti su Amazon.com.
Il progetto viene chiuso a metà 2019, la sua pagina reindirizza al sito #FoundItOnAmazon.

Amazon Restaurants

Un altro servizio promosso da Amazon e mai arrivato in Italia.
Amazon Restaurants viene lanciato per la prima volta nel 2015 proponendosi come una sorta di Deliveroo.
Il servizio consegnava cibo preparato al momento dai ristoranti locali ai clienti tramite la rete di consegna in giornata di Amazon, che utilizza anche per le consegne Prime Now. Ebbe un discreto successo: si espanse in 20 città degli Stati Uniti e Londra prima della sua scomparsa (a Londra è stato lanciato nel 2016 e si è interrotto alla fine del 2018).

Amazon Storywriter

Amazon Storywriter e Storybuilder hanno consentito a sceneggiatori televisivi e cinematografici di creare facilmente sceneggiature, che potevano quindi essere inviate direttamente agli Amazon Studios per essere prese in considerazione.

Entrambi sono stati chiusi a fine giugno 2021.

Pop-up store

Nel 2021 Amazon ha chiuso tutti gli 87 negozi pop-up e interrotto il programma.
I negozi erano un luogo in cui i clienti interessati ai gadget intelligenti, come i prodotti Amazon Echo e Fire TV, potevano vedere come funzionavano nel mondo reale prima di acquistarli.

Amazon tap

Ne avete mai sentito parlare? è stato il primo dispositivo Amazon Echo ad essere interrotto da Amazon senza una sostituzione: Amazon Tap era una versione mobile dei suoi ultra popolari altoparlanti intelligenti abilitati per Alexa.
Amazon ha smesso di vendere il dispositivo verso la fine del 2018.

Instant pickup

Nel 2017, Amazon ha lanciato un nuovo modo per ritirare gli articoli in pochi minuti dall’ordine, chiamandolo Instant pickup.
I clienti potevano ordinare articoli come snack, bevande ed elementi essenziali di base dall’app Amazon e utilizzare un codice a barre per accedere ai propri acquisti presso i punti di ritiro designati. Un dipendente Amazon riempiva un armadietto di ritiro istantaneo entro pochi minuti dall’ordine.
Anche questo servizio è stato rimosso appena un anno dopo il suo lancio.

Amazon Ticket

Era una piattaforma per l’acquisto di biglietti di concerti e altri eventi pubblici lanciata nel 2015 nel Regno Unito.
Sopravvisse per circa tre anni per poi essere chiusa nel 2018, anno di grandi fallimenti per Amazon.

Whole food 365

Whole Food 365 era il marchio più economico presente all’interno della nota catena di negozi.
Nata nel 2017, appena due anni dopo l’avvio della fase sperimentale, la catena di supermercati Usa di Amazon ha annunciato di non essere più intenzionata a puntare sul concept.
I 12 negozi targati 365 sono stati integrati nella rete della casa madre, che solo in America possiede 475 punti vendita.

Amazon Fresh

Amazon Fresh è stato il servizio di consegna di generi alimentari freschi di Amazon, almeno fino al 2018, quando Amazon ha rimosso i fornitori di terze parti dalla piattaforma ed ha eliminato la sua iniziativa dei venditori sul mercato locale, che consentiva ai fornitori di far consegnare le loro merci ai clienti insieme agli ordini Fresh.

Quidsi

Quidsi fa parte di quelle aziende che Amazon ha deciso di acquisire.
Fondata da Marc Lore e Vinit Bharara, era la società madre dell’e-commerce darling Diapers.com dei primi anni 2000, che si è espansa in Soap.com, Wag.com, BeautyBar.com, Casa.com e YoYo.com.
Amazon la compra per 545 milioni di dollari nel 2010, per poi chiuderla nel 2017 dicendo che non è mai stata in grado di renderla redditizia.

Endless.com

Amazon avvia il rivenditore di moda online Endless.com nel 2007 come primo marchio di shopping online autonomo al di fuori di Amazon.com. con focus su scarpe e accessori.
Endless.com è stato chiuso nel 2012 e i visitatori di quell’URL vengono ora reindirizzati ad Amazon.com/fashion.

Myhabit.com

Amazon ha chiuso il sito di vendita flash MyHabit.com nel 2016 e lo ha inserito nella più ampia divisione Amazon Fashion.
A differenza di Endless.com, tuttavia, MyHabit.com non rimanda i visitatori ad Amazon.com/Fashion.

Amazon webstore

Tanto tempo fa Amazon aveva una piattaforma per altre piccole e medie imprese per aprire facilmente i propri negozi e iniziare a vendere online direttamente ai clienti.
Nel 2015, Amazon ha annunciato che avrebbe chiuso la piattaforma entro un anno.
Amazon ha successivamente collaborato con Shopify per trasferire quei clienti ai servizi dell’azienda.

Amazon destination

Poteva forse esimersi dal provare a diventare competitor di Booking?
Con Amazon Destination il servizio era circoscritto: doveva essere utilizzato per pianificare fughe veloci in città come New York o Seattle.
Non è durato a lungo: lanciato nell’aprile 2015, fallisce e scompare nell’ottobre dello stesso anno.

Amazon local

Un altro fallimento made in Amazon chiuso nel 2015.
Un sito di “offerte giornaliere” che però ha dovuto scontrarsi con la concorrenza dei già rodati Groupon e LivingSocial.

Amazon Askville

Nato sulla scia di Yahoo Answer e Google Answer, dove però gli utenti erano incoraggiati a rispondere alle domande attraverso un processo ludico.
Il servizio non attecchisce e viene chiuso nel 2013.

Amazon PayPhrase

PayPhrase era un servizio creato per pagare con sicurezza sul sito.
I clienti Amazon potevano creare una stringa univoca di parole che avrebbero inserito ogni volta che desideravano effettuare il check-out rapidamente.
Debutta nel 2009 e nel 2012 viene chiuso.

 

Leave a Reply

"Orientarsi nel digitale" ora disponibile!

La guida che ti mostra come trovare la tua strada ed entrare nel mondo professionale digitale

Guida Instagram "Profilo efficace"

É finalmente disponibile la nostra guida: