PayPal Mafia: vicenda di cui far tesoro

La mafia, per definizione, è un’organizzazione costituita da individui sovversivi, che non accettano di sottostare alle canoniche regole e leggi, che si riuniscono sotto un’altra bandiera e che perseguono un loro personalissimo ideale di “bene”.

Che il movente sia legato al profitto o a concezioni di vita diverse, quel che è certo è che la mafia cospira e ordisce contro lo status quo.Ma perché questa introduzione che sembra uscita direttamente da qualche film alla “Il padrino”?

Perché in Digital flow abbiamo deciso di parlarti di mafia?

Non siamo impazziti, te l’assicuro.

Ma per capire il motivo dovrai leggere tutto l’articolo.

E stavolta non è un consiglio.

Non vorrai mica mancare di rispetto a qualcuno… No?

Che cos’è la PayPal Mafia

Fermi tutti! Questa è una rapina!

No vabbè dai, mi sembra eccessivo…

Però, davvero, prima di spiegarti cos’è la Paypal Mafia dobbiamo fermarci e partire da dove tutto ebbe inizio.

Immagina lo scenario:

1992, il mondo utilizza ancora i tradizionali e inossidabili metodi di pagamento.

Un bel giorno, però, PayPal sforna una novità epocale:

Il pagamento elettronico.

Evento.

Svolta.

Rivoluzione.

Il mondo è in visibilio e i fondatori e i dipendenti di PayPal vengono osannati come divinità.

La società fa un balzo enorme anche a livello di utili.

Tutti sono felici e sembra che possa durare per sempre.

Però, a volte, succede che anche i migliori matrimoni si inceppino e che vadano in malora.

Ed ecco che quando i dirigenti PayPal decidono di vendere l’azienda a Ebay, scoppia il caos.

Ma perché?

La trovata epocale e visionaria di PayPal era figlia di un team di persone altrettanto incredibili e visionarie, che adoravano vivere in un contesto aziendale intraprendente, con un mindset coraggioso e avveniristico, proprio come era stato quello di PayPal sino a quel momento.

Accettare di entrare nell’ecosistema Ebay, che aveva una struttura molto più tradizionale, poco propensa al rischio e al “salto nel vuoto”, avrebbe significato un ridimensionamento non solo del loro modo di pensare aziendale, ma anche della loro concezione di vita.

Ed ecco che, quando PayPal venne acquisita da Ebay nel 2002, 24 persone decisero, in barba all’inviolabile onore, di abbandonare la famiglia.

24 picciotti coraggiosi, con idee solide e un enorme spirito imprenditoriale.

Così nacque la PayPal Mafia:

Il gruppo di uscenti di PayPal che, non essendo soddisfatti dalla nuova politica aziendale, decise di mollare tutto e ripartire dalle proprie idee.

Ognuno di loro iniziò il proprio percorso d’impresa e tutti riuscirono a realizzare cose inimmaginabili.

La Silicon Valley, in quegli anni, iniziò a brulicare di proposte e progetti.

Nacquero tante start-up e quelle dei 24 picciotti raggiunsero, in qualche anno, notorietà e successo.

L’espressione PayPal Mafia fu coniata per la primissima volta dalla rivista Fortune nel 2007, perché in quell’anno tutti i 24 vennero ritratti da una fotografia in un pub inglese vestiti in pieno stile gangster, atteggiandosi a boss mafiosi.

PayPal Mafia: vicenda di cui far tesoro

Ma è giunto il momento di andare a conoscere un po’ più da vicino queste personalità.

Però non troppo vicino…

Non ci permetteremmo mai di turbare la tranquillità di qualche capo dei capi.

Qualche picciotto che ha fatto strada

Cosa hanno in comune i fondatori di alcune delle maggiori aziende del mondo?

Esatto, quello di essere usciti tutti da PayPal.

Fondatori di YouTube, Yelp, Tesla e LinkedIn (solo per citarne alcuni) appartenevano tutti alla cupola della PayPal Mafia.

Ma ecco…

Stanno arrivando…

China il capo in segno di rispetto e, se necessario, fai anche il baciamano.

Partiamo da colui che è considerato il boss di PayPal Mafia…

Ti presento… il don.

  • Peter Thiel

Si deve proprio a don Peter Thiel la nascita di PayPal, dato che, nel lontano 1999, questi la lanciò come propaggine della sua prima società, Confinity.

Thiel fu CEO di PayPal sino al 2002, anno in cui Ebay la acquistò. Dopo aver abbandonato PayPal e dato il via al grande esodo degli altri 23, don Thiel co-fondò nel 2003 la società di big data Palantir.

Ma fu a partire dal 2005 che si consumò l’enorme fattaccio;

Peter Thiel co-fondò Founders Fund, società di ventura che investì e aiutò a crescere, nel tempo, entità come SpaceX, Airbnb, Facebook, Yelp e LinkedIn.

  • Max Levchin

Ogni don è affiancato da un consiglio direttivo e in ognuno di essi spicca, tra tutte, una figura fidata.

Max Levchin, conosciuto anche col titolo di consigliere, ricoprì in PayPal il ruolo di co-fondatore (proprio a lui si deve l’invenzione del sistema di trasferimento dei soldi da un dispositivo all’altro) e di CTO.

Dal 2004 è, però, divenuto il presidente di Yelp, carica che ha mantenuto sino al 2015, prima di divenire CEO di Affirm, una piattaforma di pagamento da lui co-fondata.

Levchin è anche presidente di Glow, un’app di monitoraggio della fertilità che aiuta gli utenti a migliorare le loro probabilità di concepimento.

  • Reid Hoffman

Reid ha fatto parte del consiglio di amministrazione di PyaPal fino al momento della vendita a Ebay.

Dopodichè, dal 2002, si è dedicato alla co-fondazione di LinkedIn ed è divenuto uno degli investitori più prolifici della Silicon Valley, sovvenzionando Facebook, Flickr, Care.com e molti altri.

  • Jawed Karim, Steve Chen e Chad Hurley

Possono due semplici ingegneri e un web designer uscire da una azienda ormai affidabile e strutturata come PayPal e lanciare una piattaforma di condivisione video che avrebbe stravolto le loro vite e quella del mondo intero?

Be’, se si tratta di picciotti della PayPal Mafia, allora sì.

Questo trio, infatti, è stato in grado di lanciare nientedimeno che Youtube!

  • Elon Musk

E poi c’è lui…

Musk non ha di certo bisogno di presentazioni:

Fondatore di aziende come SpaceX e Tesla, nonché uno degli uomini più ricchi del mondo.

E, guarda un po’, anche lui ha un trascorso in PayPal.

Nel 1999, infatti, la sua società di pagamenti X.com si unì con la Confinity di Peter Thiel, dando vita, appunto, a Paypal.

Musk iniziò come CEO, ma ben presto dovette lasciare la posizione.

E, a giudicare dagli esiti, direi che non gli è andata malissimo…

Sarebbero tanti altri i protagonisti da presentare della cupola della PayPal Mafia.

Io te ne ho presentati sette, quelli che, probabilmente, sono i più celebri o che sono riusciti ad avere il maggior impatto.

Ma non per questo gli altri che non ho citato non abbiano riscosso enormi risultati…

Ti basti pensare, ad esempio, che Ken Howery (cofondatore di PayPal prima e di Founders Fund poi) è stato ambasciatore degli Stati Uniti in Svezia tra il 2019 e il 2021.

Conclusioni: circondati sempre di figure eccellenti

Sebbene PayPal abbia pagato il rapporto con Ebay, perdendo, tra dirigenti e dipendenti,  molte pedine interessanti, gli va comunque concesso il plauso di aver catalizzato e assunto, al momento della sua fondazione, una incredibile quantità di talenti.

Essere in grado di pescare grandi lavoratori non è da tutti…

Riuscire ad aggiudicarsi una grande mente lo è ancor meno…

Ma rarissimo è essere capaci di attrarre decine di eccellenze tutte insieme.

Dunque, ecco perché abbiamo deciso di proporti questa storica vicenda, a metà strada tra sogno imprenditoriale e sabotaggio malavitoso.

Il marketing funziona per le persone, ma è anche fatto di persone.

Se ti trovi a capo di una organizzazione, per quanto essa possa essere ristretta, il tuo compito sarà sempre quello di farla maturare attraverso l’annessione e il coinvolgimento delle persone giuste.

E noi di Digital flow, che siamo una realtà giovane e in rampa di lancio, questa cosa la sappiamo molto bene.

Non saremmo stati in grado di raggiungere i nostri risultati se non avessimo puntato su valore e se nel nostro ecosistema interno non avessimo inserito persone professionali e di qualità.

Poi, certo, di Elon Musk non ne nascono moltissimi, questo è vero…

Ma il mondo è pieno di figure eccellenti.

Devi solo avere il fiuto di trovarle e la lungimiranza di crescerle.

E magari anche l’avvedutezza di non fartele sfuggire, come fece PayPal…

Siamo giunti al termine di questo articolo…

Spero che ti sia piaciuto e ti sia stato utile per capire cos’è la PayPal Mafia.

Ricordati che se vuoi comprendere e sfruttare il digital marketing puoi seguire Digital flow su Instagram, dove pubblichiamo contenuti utili per chi vuole conoscere meglio questo mondo.

Ti consiglio, inoltre, di iscriverti alla newsletter.

In questo modo riceverai un avviso ogni volta che uscirà un nuovo articolo sul blog e riceverai dei contenuti esclusivi, ovviamente a tema digital marketing.

È giunto il momento di salutarci, ma ricorda…

Comprendi e sfrutta il digital marketing.

Oppure rimani succube del suo potere e accettane le conseguenze.

Leave a Reply

Guida in 7 punti sulla lead generation

Scarica gratuitamente la guida sui 7 punti fondamentali della lead generation.

Guida Instagram "Profilo efficace"

É finalmente disponibile la nostra guida: