Employer branding, cos’è e perchè è importante per le aziende

Cos’è l’employer branding?

In effetti in Italia questo termine si sente poco nominare, un pò per la struttura economica italiana, che per definizione è composta da PMI, più che da multinazionali e un pò per la nostra tendenza ad arrivare sempre un pò dopo rispetto agli Stati Uniti.

In molti altri paesi del mondo infatti, soprattutto nelle grandi aziende (ma come vedremo non solo) l’employer branding è molto conosciuto e utilizzato già da diversi anni e anzi, esiste spesso un intero settore dedicato proprio a questo.

Ma andiamo per calma, iniziamo a vedere cos’è l’employer branding.

Cos’è l’employer branding

L’employer branding è l’insieme di quella strategie finalizzate ad aumentare il valore percepito di un’azienda nei confronti dei propri lavoratori e delle persone che potrebbero lavorarci. Insomma, migliora la percezione dell’azienda come luogo in cui lavorare.

Semplificando ancora di più, l’obiettivo dell’employer branding è far dire alle persone “Quello è proprio un bel posto in cui lavorare!”

Attrarre talenti con l’employer branding

L’obiettivo principale dell’employer branding è quello di attrarre talenti e portarli a lavorare nella propria azienda.

A volte, soprattutto in un mercato estremamente competitivo, ancor più dell’aspetto economico è fondamentale la percezione che i possibili candidati hanno dell’azienda in cui vanno a lavorare.

Il lavoro è l’attività che coinvolge la maggior parte della nostra vita in termini di tempo, di questo le persone sono sempre più consapevoli, il che, se sono nelle condizioni di scegliere, le porta a prediligere incarichi professionali in aziende che stimano, di cui condividono gli obiettivi e che sanno prestare attenzione al benessere dei propri dipendenti.

Trattenere talenti con l’employer branding

Una volta che si è acquisito un dipendente talentuoso entrano in gioco tantissimi fattori affinché egli rimanga in azienda a dare il proprio prezioso contributo quanto più a lungo possibile.

Uno di questi fattori è proprio l’employer branding, che ha come scopo secondario proprio quello di fidelizzare i propri dipendenti e trattenere il più a lungo possibile i propri dipendenti più talentuosi.

Investimento a lungo termine

Insomma, investire nell’employer branding non vuol dire investire tempo, risorse e soldi per ottenere subito un ritorno economico, anzi.

Il ritorno economico è estremamente indiretto e lontano nel tempo.

Ma una buona strategia di employer branding può alzare tantissimo il livello qualitativo di un’azienda e i conseguenza la propria competitività sul mercato.

Un investimento, che se effettuato con cura, porterà enormi vantaggi a lungo termine.

Piccole imprese

Come dicevamo prima certamente l’employer branding proprio per definizione è più predisposto ad essere utilizzato dalle grandi multinazionali, che hanno i mezzi economici e in termini di risorse per farlo.

Ma non soltanto, può essere praticato anche dalle PMI, con successo.

Credo che il fatto sia nel farci attenzione, nell’iniziare a comunicare tramite dei canali adatti a questo pubblico preciso.

Potresti ad esempio iniziare a comunicare tramite il tuo team manageriale su LinkedIn, oppure tramite la tua pagina aziendale, con l’obiettivo di comunicare ai tuoi dipendenti e ai giovani talenti, per attrarli a candidarsi nella tua azienda.

Oppure ancora tramite l’amministratore della società (in quel caso avremmo un vero e proprio caso di CEO branding con obiettivo di employer branding).

Sembra complicato, ma come spesso accade per molti concetti e discipline, anche nell’employer branding possiamo riprodurre in scala ridotta quello che viene fatto ogni giorno da tantissime multinazionali.

L’employer branding Google

Le ottime strategie di employer branding di Google, hanno reso l’azienda della Silicon Valley uno dei posti più desiderabili in cui lavorare.

Le strategie finalizzate ad aumentare il benessere dei dipendenti e soprattutto il comunicare queste strategie in modo estremamente diffuso hanno reso Google “positiva” agli occhi delle persone.

Gli hanno fatto associare parole come “Creatività”, “Innovazione”, “Libertà”…

L’employer branding inoltre esce anche fuori dai confini del proprio scopo, non si limita infatti ad aumentare la percezione positiva dell’azienda nei confronti dei lavoratori o possibili tali, ma crea una percezione positiva anche nei confronti di tutti gli altri.

Magari tu che stai leggendo questo articolo non hai mai pensato di andare a lavorare in Google, perchè nella vita fai tutt’altro, eppure la percezione che hai di Google come società è diversa da quella che hai rispetto ad aziende simili come Microsoft…

…questo anche grazie all’employer branding.

Conclusioni

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti sia stato utile per capire cos’è l’employer branding e perchè è importante per le aziende.

Ricordati che se vuoi comprendere e sfruttare il digital marketing puoi seguire Digital flow su Instagram, dove pubblichiamo contenuti utili per chi vuole conoscere meglio questo mondo.

Ti consiglio inoltre di iscriverti alla newsletter, in questo modo riceverai un avviso ogni volta che uscirà un nuovo articolo sul blog e riceverai dei contenuti esclusivi, ovviamente a tema digital marketing.

In questo articolo ti ho parlato di cos’è l’employer branding, a presto e ricorda…

Comprendi e sfrutta il digital marketing.

Oppure rimani succube del suo potere e accettane le conseguenze.

Leave a Reply

Guida Instagram "Profilo efficace"

É finalmente disponibile la nostra guida: