Strategia di content marketing delle 3H: Hero, Hub ed Help

L’errore più grande quando si deve pensare ad una propria strategia di content marketing, ad esempio per i social, è quello di pensare i contenuti in modo uguale tra loro.

Ma i contenuti, ovviamente, non sono tutti uguali.

E non sto parlando della forma certamente.

La forma (foto, video, audio ecc.) viene dopo l’aspetto strategico del contenuto.

Ma come rientra quel singolo contenuto all’interno della tua strategia di content marketing?

Quale obiettivo ha?

La strategia di cui voglio parlarti oggi dà una linea guida utile per rispondere a queste domande e, soprattutto, per mettere su una strategia di contenuti funzionale e funzionante.

La strategia delle 3H 

Questa strategia di content marketing viene detta “Strategia delle 3H“, perché si basa su tre tipologie di contenuti:

  • Contenuti Hero;
  • Contenuti Hub;
  • Contenuti Help.

La Strategia delle 3H è molto conosciuta e utilizzata da diversi content creator, ma è applicabile a qualsiasi strategia di content marketing, per brand o personal brand sul web.

Se non conosci cos’è una strategia di content marketing e perché è importante, la regola delle 5W

Andiamo a vedere più nel dettaglio le tre tipologie di contenuti, per comprendere meglio la strategia.

Contenuti Hero

I contenuti Hero sono quelli progettati e pensati per poter diventare virali (il che non vuol dire che ogni volta lo diventino, ma che sono pensati in quell’ottica).

Sono caratterizzati da un forte carico emotivo e creativo, solitamente trattano tematiche rivolte ad un pubblico ampio e sono caratterizzati da un forte impatto.

Questi contenuti devono avere un ingrediente “condivisibile“, ovvero che faccia sentire alle persone che ne fruiscono la necessità di condividerlo con le persone che conosce.

Questo, ovviamente, è l’ingrediente chiave di qualsiasi contenuto virale.

Se ci immaginiamo la strategia di content marketing delle 3H come una piramide, la parte più bassa e più ampia è occupata proprio dai contenuti Hero, che all’interno della strategia sono finalizzati a scatenare l’effetto viralità, raggiungere un pubblico ampio e che ancora non ci conosce.

Tuttavia, va fatta una precisazione.

Da questa descrizione potrebbe sembrare che i contenuti Hero siano in assoluto quelli su cui valga la pena puntare.

Ovviamente, non si possono realizzare soltanto contenuti Hero.

Per due motivi:

  • Come tutte le cose ad alto impatto creativo ed emotivo, se non vengono gestite con equilibrio, finiscono per stancare;

  • Solitiamente, l’obiettivo di chi mette in campo una strategia di contenuti non è soltanto acquisire nuovi followers, ma anche fidelizzarli e creare una relazione con loro.

E in questo ci tornano utili le altre due tipologie di contenuti di cui parlerò adesso.

Contenuti Hub

Se i contenuti Hero rappresentano lo sprint che si vuole dare alla propria community per acquisire nuovi follower, i contenuti Hub costituiscono una maratona, finalizzata a fidelizzare le persone che hanno deciso di seguirti, magari dopo aver visto proprio un contenuto Hero.

Questi contenuti devono essere replicabili nel tempo e costituire, di conseguenza, un giusto compromesso tra qualità e tempo di realizzazione e/o budget.

Infatti, mentre sui contenuti Hero si può puntare maggiormente in termini di risorse investite perché vengono pubblicati sporadicamente, i contenuti Hub devono avere una sostenibilità tale che ne permetta una costanza di pubblicazione.

Ma cosa intendiamo, quindi, con contenuti Hub?

I contenuti Hub sono generalmente dei format, ovvero degli appuntamenti predefiniti (1-2 volte a settimana, 1 volta al mese ecc.) a cui gli utenti possono ancorarsi per tornare ad interagire con il brand.

Possono anche essere dei format a puntate che proseguono nel tempo, per cui si crea un effetto di curiosità che tiene le persone che ci seguono ancora più ancorate ai nostri profili social.

Insomma, i contenuti Hub sono quei contenuti che pubblichiamo non per cercare interazioni di basso valore o di raggiungere nuove persone, ma di fidelizzare chi già ci segue.

All’interno di quella piramide immaginaria di cui parlavamo prima, questi contenuti si trovano nel mezzo e hanno uno spettro di azione più ridotto rispetto agli Hero contents, visto che si riferiscono al proprio pubblico.

Contenuti Help

Eccoci giunti, infine, all’ultima tipologia:

i contenuti Help.

Questi contenuti si trovano sulla punta della piramide, perché hanno un raggio di azione molto più ridotto e preciso.

Lo scopo dei contenuti Help è quello di aiutare le persone a percorrere il processo di acquisto.

Sono, di fatto, quei contenuti che hanno il compito di fare il lavoro sporco e raccontare i prodotti o servizi di un’azienda o, comunque, l’elemento commerciale all’interno di un canale social.

Questo non vuol dire che siano dei contenuti di vendita diretta, assolutamente.

Ma vuol dire che raccontano caratteristiche e benefici dei prodotti, del brand e di tutto quello che ci ruota intorno, ma in modo indiretto, senza vendere nulla.

Sono contenuti molto specifici dunque, che si rivolgono a quella fascia di pubblico già fidelizzato e che gradualmente potrebbe essere veicolato verso una maggiore conoscenza e consapevolezza di quello che fa il brand o il prodotto e, infine, all’acquisto.

Su quali contenuti puntare?

Se hai colto il senso di questo articolo e di questa strategia di content marketing, saprai già la risposta a questa domanda.

Ovviamente, su tutti.

Una strategia di contenuti efficace che segue questo modello si basa su un equilibrio di queste tre tipologie di contenuti, che sapientemente gestito poterà i risultati maggiori.

Semplicemente perché ogni contenuto, come abbiamo visto prima, ha un proprio obiettivo specifico e un proprio target da intercettare, creando insieme una sinergia vincente per la crescita sui tuoi canali social.

Come abbiamo visto, idealmente, questa strategia di marketing ci consente di costruire un vero e proprio funnel di marketing:

  • Facciamo entrare le persone tramite i contenuti Hero, attraverso cui intercettiamo le persone che ancora non ci conoscono e iniziano a seguirci;
  • Fidelizziamo il pubblico che ha deciso di seguirci attraverso i contenuti Hub;
  • Raccontiamo i nostri prodotti/servizi o il brand stesso, attraverso i contenuti Help, per veicolare indirettamente verso l’acquisto.

Questo è, di fatto, un funnel di marketing.

Il consiglio, in definitiva, è quello di prendere questa strategia e testarla sulla tua community o sul tuo progetto, ma sempre cercando di andare a modellarla sulle caratteristiche specifiche dell’audience.

Questo è il vero segreto di qualsiasi strategia di marketing:

mettere le persone al centro è la scelta più vincente che si possa fare, anche in una strategia di content marketing.

Ma non è finita qui:

Se vuoi realizzare al meglio i tuoi contenuti ti consiglio di approfondire la regola delle 5W

Conclusioni

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti sia stato utile per capire come realizzare una strategia di content marketing efficace.

Ricordati che se vuoi comprendere e sfruttare il digital marketing puoi seguire Digital flow su Instagram, dove pubblichiamo contenuti utili per chi vuole conoscere meglio questo mondo.

Ti consiglio inoltre di iscriverti alla newsletter, in questo modo riceverai un avviso ogni volta che uscirà un nuovo articolo sul blog e riceverai dei contenuti esclusivi, ovviamente a tema digital marketing.

In questo articolo ti ho parlato della strategia di content marketing delle 3H, a presto e ricorda…

Comprendi e sfrutta il digital marketing.

Oppure rimani succube del suo potere e accettane le conseguenze.

Condividi l'articolo

Iscriviti alla Newsletter

Se vuoi ricevere aggiornamenti sul mondo di Digital flow e affini, iscriviti alla newsletter.

Niente spam, lo odiamo quanto te. 

Articoli correlati

Vuoi scoprire tutti i nostri articoli?

Guida Instagram "Profilo efficace"

É finalmente disponibile la nostra guida: