L’effetto webrooming: l’eroe di cui abbiamo bisogno

Nella cultura cinese esistono lo Yin e lo Yang.

Esse sono forze che, opponendosi reciprocamente, permettono al mondo ed all’universo di rimanere in equilibrio.

E non finisce qui!

Lo Yin e lo Yang possiedono una reciproca dipendenza perché nascono l’una dall’altra, dunque nessuna di esse può esistere in assenza della controparte.

Bianco e nero.

Luce ed ombra.

Bene e male.

Acqua e fuoco.

Ogni Cosa possiede la propria nemesi.

Cosa diavolo c’entra questa parentesi taoista con il digital marketing?

Bene, tra un attimo ti sarà tutto più chiaro…

Digital flow ha già dedicato un articolo ad un argomento oggigiorno spinoso come quello dell’Effetto Showrooming.

Esso, lo ricordo, è la pratica per la quale l’acquisto di un prodotto avviene sempre online, a fronte di una precedente visita in un negozio fisico.

E abbiamo pure anticipato come una delle sue conseguenze “propizie”, sia proprio lo scaturimento del suo opposto: l’Effetto Webrooming.

“Scaturire”, “opposto”… non ti dicono proprio niente?

Anche qui si parla di dinamiche che si fronteggiano e in cui dalla prima fluisce e si genera l’altra!

Lo Showrooming è lo Yin, il Webrooming lo Yang.

Bene.

In quell’articolo mi ero pure sbilanciato descrivendo lo Showrooming come un antieroe.

Per giunta meritato…

Stavolta rincaro la dose.

Il Webrooming è un eroe. Di quegli eroi di cui abbiamo bisogno.

Ma forse sto divagando…

Sai cos’è il Webrooming?

Se la risposta è no, allora scoprilo insieme a me.

Se già lo conosci, di sicuro però non sai perché lo considero un eroe.

 

Cos’è il Webrooming

Il Webrooming è la pratica di osservare e documentarsi su internet riguardo ad un prodotto, per poi acquistare lo stesso presso un retailer fisico.

Sì.

Esistono ancora persone che acquistano nei negozi tradizionali.

E per fortuna.

Sono, forse, persone ancora profondamente legate al metodo d’acquisto fisico.

Oppure quelle che storcono il naso davanti al mondo online.

O, ancora, quelle che non possono acquistare su internet.

A parte ovvie ragioni soggettive, esperienziali ed anagrafiche il Webrooming è un fenomeno trasversale, ma che rende felice una determinata categoria…

Quale?

Domanda un po’ scontata, non è vero?

Il Webrooming, da paladino qual è, sancisce la rivalsa degli oppressi dallo Showrooming.

Negozianti ed esercenti si appellano all’operato del loro supereroe, quasi fosse la loro unica risorsa di sopravvivenza.

Come abbiamo potuto appurare nell’articolo sullo Showrooming, tuttavia, affibbiare a quest’ultimo tutta la colpa di negozi chiusi per fallimento è ingiusto, oltre che errato.

Abbiamo visto quanto chiudere alla risorsa di internet, oggigiorno, sia paragonabile ad un suicidio professionale ed economico.

 

The Civil War

Da qui a qualche decina di anni vedremo prevalere lo Showrooming, l’antieroe che ci meritiamo (o piuttosto, che alcuni meritano), oppure la stoica resistenza del Webrooming, l’eroe di cui (tutti) abbiamo bisogno?

Brutto dirlo, ma pare che alla lunga prevarrà il “male”.

L’evoluzione non si ferma e sarebbe da folli e da ostruzionisti neo-luddisti sperare che si possa restare ancorati per sempre ai tradizionali metodi d’acquisto.

Anche il baratto, all’epoca, dovette sembrare una modalità di pagamento definitiva.

Eppure sappiamo molto bene che fine abbia fatto questa pratica.

Dunque, chi vincerà la Civil War dei metodi d’acquisto?

L’Effetto Showrooming ha dalla sua comodità e repentinità , che sono oggi valori di indubbia centralità.

L’Effetto Webrooming ci ricorda un po’ chi siamo e da dove veniamo, che abbiamo bisogno degli altri e che, seppure a volte lo neghiamo a noi stessi, siamo animali comunitari.

In che senso?

Per scoprirlo, continua a leggere!

 

Perché il Webrooming è l’eroe di cui abbiamo bisogno?

Siamo arrivati.

È questo il nocciolo dell’articolo.

Perché considero il Webrooming l’eroe di cui abbiamo bisogno?

So cosa stai pensando…

In quanto dinamica opposta allo Showrooming, che danneggia i commercianti offline, il Webrooming dev’essere di certo il protagonista positivo.

Be’, hai pienamente ragione.

Ma il mio sguardo non si ferma solo a questo punto.

E vorrei che anche tu facessi un ulteriore sforzo per comprendere dove voglio andare a parare.

Ci stai?

Va bene.

Ciò su cui voglio riflettere gira attorno al termine Umano.

Avete mai sperimentato la  bellezza di entrare in un negozio (il genere è ininfluente) e di poter godere dell’esperienza e della passione di un addetto?

In quel preciso istante si crea una connessione che si fonda sulla comunione di interessi ed entusiasmi.

Entrano in gioco elementi come simpatia ed empatia che sono i cardini delle relazioni umane.

Ed ecco dove sta il vero superpotere del Webrooming:

Saper garantire ancora, ad un mondo sempre più digitalizzato e distaccato, il senso di un confronto, di una condivisione, di uno scambio e di una transazione (no, non solo quella freddamente economica).

Retorica a parte, non è facile che tutto questo possa accadere durante un acquisto online.

Sopperire al distacco fisico è una faccenda ardua, anche per il più empatico dei copywriter.

Ma esisitono dei metodi che possono avvicinare la clientela al negozio reale.

Quali?

Go on!

 

Come stuzzicare il Webrooming nel cliente

Il retailer fisico del ventunesimo secolo si porta dietro un dilemma enorme:

Come diamine arginare la diaspora dei clienti  verso il web?

E di conseguenza, tale interrogativo rimbalza verso un’ ulteriore domanda:

Come traslare il superpotere del Webrooming a proprio vantaggio?

Se il rivenditore moderno vuole che i clienti preferiscano lui al posto dei vari e-commerce, deve evidenziare i vantaggi che questi otterrebbero acquistando nel suo punto vendita:

  • Annullamento di sovrapprezzi, tempi morti e disguidi (come costi di spedizione, tempi di attesa, problemi di consegna, risarcimenti…)
  • Customer care (prima, durante e dopo il servizio.)
  • Eventi in loco (quanti clienti attirerebbe Chiara Ferragni se presentasse la propria autobiografia in una libreria? E quante copie farebbe vendere al libraio?)
  • Vantaggi esclusivi (sconti dedicati a nuovi o vecchi clienti, carte fedeltà ed a punti… la Gamification!)

Questi sono solo alcuni esempi, una manciata di spunti che chiunque sarebbe in grado di formulare ed ampliare.

Per risultati migliori, il ricorso è sempre il medesimo:

Libera la tua fantasia!!!

 

Conclusioni: la sintesi dell’Unified Commerce

Si va verso una modernizzazione totale, ma questo non significherà la morte del buon vecchio commercio fisico.

Esiste ed esisterà sempre l’Effetto Webrooming in grado di controbilanciare, anche in parte, l’Effetto Showrooming.

In fin dei conti, come abbiamo visto per Yin e Yang, se qualcosa cessa di esistere, svanisce anche il suo opposto.

Inizia, piuttosto, ad emergere una nuova forma di retail.

L’ultima frontiera del commercio totale.

Sto parlando dell’Unified Commerce.

Esso è il ponte ideale e l’integrazione tra fisico ed online.

L’Unified Commerce è una struttura tecnologica che garantisce al cliente una esperienza davvero permeante e personalizzata.

In che modo?

Esso è in grado di immagazzinare e gestire dati, ricerche e preferenze IN TEMPO REALE e CONTEMPORANEAMENTE, tanto dei negozi fisici, quanto delle piattaforme online.

Questo cosa comporta?

Anzitutto, potrebbe garantire vita più longeva ai commercianti fisici, che sfrutterebbero questo sistema per mantenere ed ampliare il proprio bacino di clienti.

Secondo, creerebbe i presupposti per una esperienza coinvolgente per i clienti che, seppur “pescati” online, potrebbero essere attratti dal negozio offline.

Perché come abbiamo già vista poco sopra, le persone di norma non disdegnano un contatto sociale, tuttalpiù se si scambiassero due chiacchiere con un affabile esperto di un settore di proprio interesse.

Ed ecco che, quindi, ritorna ancora l’aspetto dell’empatia.

Per vincere le gare del futuro, che tu sia un grande od un piccolo rivenditore al dettaglio, la strada da battere è senza dubbio quella del Digital.

Senza però dimenticare, lungo la via, di fare frequenti e tonificanti scali presso stazioni di Umanità.

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti sia stato utile per capire il significato di webrooming.

Ricordati che se vuoi comprendere e sfruttare il digital marketing puoi seguire Digital flow su Instagram, dove pubblichiamo contenuti utili per chi vuole conoscere meglio questo mondo.

Ti consiglio inoltre di iscriverti alla newsletter, in questo modo riceverai un avviso ogni volta che uscirà un nuovo articolo sul blog e riceverai dei contenuti esclusivi, ovviamente a tema digital marketing.

In questo articolo ti ho parlato del significato di webrooming, a presto e ricorda…

Comprendi e sfrutta il digital marketing.

Oppure rimani succube del suo potere e accettane le conseguenze.

Leave a Reply

Guida in 7 punti sulla lead generation

Scarica gratuitamente la guida sui 7 punti fondamentali della lead generation.

Guida Instagram "Profilo efficace"

É finalmente disponibile la nostra guida: