Apple, un caso di successo di marketing

Apple è tra le aziende più famose, redditizie e potenti al mondo.

Possiamo vedere in Apple, Facebook, Google e Amazon di fatto i colossi che monopolizzano interi settori e di fatto indirizzano molte tendenze e decisioni nel mondo.

In particolare Apple è sicuramente sempre sulla bocca di tutti ed è un brand famoso a livello mondiale, non solo per i propri prodotti innovativi e sempre un passo avanti rispetto alla concorrenza, ma anche grazie alle proprie strategie di marketing.

Già, il marketing in tutto questo successo ricopre un ruolo fondamentale, proprio per questo motivo in questo articolo andremo ad analizzare il successo di Apple proprio sotto il punto di vista del marketing.

I fattori del successo nel marketing Apple

Iniziamo provando ad identificare gli elementi chiave del successo di Apple, quali fattori hanno inciso ed incidono maggiormente?

Ovviamente non andrò ad elencarli tutti perchè come spesso accade il successo è frutto di un’alchimia di vari fattori sapientemente equilibrati, si tratta di sfumature a volte anche difficilmente  individuabili.

Ma certamente possiamo individuare alcuni fattori, almeno indicativi, che hanno determinato e determinano il successo del brand:

  • Profitto: Apple ha un profitto altissimo su ogni suo prodotto, non soltanto perchè li vende ovviamente a prezzi molto alti, ma perchè spende pochissimo in fase di produzione, grazie alla produzione su larghissima scala.
  • Negozi: gli store di Apple sono dei veri e propri templi, dove ogni cosa è posizionata per far percepire alle persone quel luogo come un post innovativo e di culto. I commessi sono preparati, gentili e sopratutto seguono tutti la stessa uniformità stilistica di comunicazione.
  • Innovazione: ovviamente i prodotti di Apple sono stati spesso rivoluzionari e hanno cambiato interi mercati. Il Mac ha portato il personal computer nelle case di molti rendendolo user-friendly, l’iPod ha rivoluzionato l’intero mercato della musica digitalizzandolo, iPhone, ha rivoluzionato le nostre abitudini e il mondo intero.
  • Design: come diceva Steve Jobs i prodotti Apple sono “sexy”. Hanno un design moderno, accattivante, sia esteticamente che internamente sono piacevoli da guardare e da utilizzare. Inoltre si riconoscono in mezzo agli altri prodotti competitor.
  • Prezzo alto: il posizionamento alto è chiaro e sopratutto coerente. Apple non fa quasi mai gli sconti, anche durante eventi particolari come il black friday non scende mai a compromessi per favorire un grande guadagno nel breve termine nei confronti di un guadagno nel medio e lungo termine.
  • Comunicazione: la comunicazione e il marketing di Apple fanno scuola a tutti. L’azienda non si limita a descrivere i propri prodotti, ma li racconta, racconta uno stile di vita a cui aspirano milioni di persone e rende i propri prodotti parte del raggiungimento di questa meta.
  • Assistenza: Apple non ha mai badato a spese per l’assistenza verso i propri clienti, risolve i problemi dei clienti con velocità ed efficacia, a volte anche sostituendo addirittura l’intero prodotto.

Questi sono gli ingredienti chiave che hanno determinato il grandissimo successo di Apple e che ancora oggi la rendono una delle aziende più grandi e importanti al mondo.

La forza del posizionamento

Abbiamo visto che uno dei punti di forza del successo di Apple è sicuramente il suo posizionamento, in particolare per quanto riguarda il pricing.

I prodotti di Apple sono prodotti a basso costo di produzione, venduti al prezzo di beni di lusso.

E questo è un punto di forza incredibile per l’azienda che ottiene un alto profitto da ogni vendita e di conseguenza ottiene liquidità da investire su una struttura vincente che sfrutti gli elementi visti in precedenza per avere successo.

Ma se i prodotti Apple costano così tanto, perchè le persone li acquistano?

Beh, qui entra in gioco un concetto molto importante.

Il concetto del “Cerchio d’oro” teorizzato da Simon Sinek.

Di cosa si tratta?

Il cerchio d’oro è visivamente un’insieme di 3 cerchi concentrici in cui sono inserite, partendo dal centro verso l’esterno, le parole: “Perchè”, “Come”e “Che cosa”.

Questa è la rappresentazione grafica di quello che di fatto è un modello comunicativo, andiamolo a vedere meglio.

  • Che cosa: indica cosa facciamo, l’output esterno, il risultato finale del nostro lavoro o del nostro pensiero. Apple produce smartphone, pc e tablet.
  • Come: indica come facciamo il “che cosa”, con quali modalità, ad esempio Apple produce quei prodotti grazie a grandi invenzioni tecnologiche e ad un bel design.
  • Perchè: infine c’è il perchè facciamo le cose, ma motivazione più profonda che muove tutti i precedenti punti. Perchè Apple produce smartphone, pc e tablet tecnologicamente innovativi e con un bel design? A quale scopo?

Il punto è che bisogna partire dal perchè.

Lo scopo del cerchio d’oro è proprio questo, capire che in ogni nostra comunicazione, indipendentemente dal fatto che siamo delle persone o delle azienda, dobbiamo partire dal perchè.

Partire dal “che cosa” ci limita e non ci differenzia rispetto alla massa.

Possiamo dire che produciamo smartphone, ma molti altri la fuori fanno la nostra stessa cosa e la verità è che non ci sono differenze oggettive così eclatanti da far giudicare il nostro prodotto come superiore rispetto ai competitor (nella stra maggioranza dei casi almeno).

Il perchè invece smuove gli animi delle persone, le ispira, le porta a credere a quello in cui credi tu.

Nel caso di Apple, le porta a spendere parecchi soldi per uno smartphone.

Come Apple sfrutta il cerchio d’oro?

Apple ha costruito un impero partendo dal perchè.

Apple non si limita a elencare le caratteristiche dei propri prodotti, li racconta e sopratutto racconta lo status quo che rappresentano e a cui le persone aspirano.

Parla dei valori, del motivo per cui Apple è nata e crea prodotti.

“Think different” ti dice qualcosa?

Apple non si presenterà mai partendo dai suoi prodotti (che cosa) o innovazioni tecnologiche (come) ma dal perchè.

Se stai acquistando un iPhone non stai acquistando uno smartphone, stai acquistando uno status quo, sei un determinato tipo di persona, che crede nella libertà di pensiero e di azione, che pensa in modo differente dalla massa.

Questo concetto torna utile anche ad Apple dal punto di vista del posizionamento sul mercato.

Ha iniziato a produrre computer. Successivamente ha iniziato a produrre lettori per la musica, cellulari e orologi.

Questo non funziona per tutti i suoi competitor perchè loro comunicando partendo dal “che cosa” e se comunichi costantemente raccontando che se un’azienda che realizza computer allora la tua credibilità nel momento in cui lanci un nuovo smartphone è molto bassa.

Invece se comunichi sempre il perchè fai le cose, questo è sempre potente perchè rimane invariato indipendentemente dal fatto che il “che cosa” siano dei computer o degli smartphone.

Concludendo, la verità è che la maggior parte delle persone non acquista un iPhone rispetto a smartphone competitor perchè ha le competenze per decretarlo come oggettivamente superiore agli altri.

Questo è quello che ci diciamo per convincerci che sia la scelta migliore.

La verità è che le persone scelgono iPhone perchè ne condividono i valori e gli ideale trasmessi da Apple.

I prodotti Apple sono più di computer o cellulari, rappresentano uno status-quo a cui le persone puntano.,

E che inconsciamente pensano di raggiungere semplicemente acquistando un prodotto.

Comunque se vuoi approfondire questo argomento ti rimando al bellissimo libro di Simon Sinek “Partire dal perchè”, che trovi cliccando qui.

L’ecosistema di Apple

Arriviamo infine all’ultimo punto di questo articolo e punto di forza del colosso tecnologico.

Apple non è soltanto un’azienda, ma un vero e proprio ecosistema.

Un’ecosistema in cui un utente inizia acquistando un prodotto, ad esempio un iPod, ed entra in un meccanismo per cui diventa dipendente dall’ecosistema stesso e di conseguenza acquista tutti i diversi e nuovi prodotti sfornati di volta in volta dall’azienda.

Andiamo a vedere alcuni punti di forza che rendono possibile questo ecosistema:

  • Compatibilità: sopratutto all’inizio, per scelta del brand stesso, i prodotti di Apple non erano compatibile con altri dispositivi che non fossero prodotti da Apple stessa. Questo ha creato nel medio e lungo termine una dipendenza da chi entrava nell’ecosistema Apple nei confronti dei prodotti del brand.
  • Sincronizzazione: possedendo vari prodotti della Apple, questi sono tutti perfettamente sincronizzati tra di loro, il che permette di non percepire quasi il passaggio da un dispositivo all’altro, tutti i dati, le informazioni, le foto e le app sono presenti su tutti i dispositivi e/o trasferibili in modo molto semplice.
  • Frizione acquisto: di conseguenza al punto precedente Apple rende il più semplice possibile per i propri clienti effettuare degli upgrade dei propri prodotti. Quando esce il nuovo iPhone le persone non devono preoccuparsi di perdere tutti i dati e ricominciare da capo, il passaggio è semplice e automatico.
  • Attitudine al cambiamento: per natura noi esseri umani non siamo molto predisposti ai cambiamenti, perchè questi portano sempre incertezze, paure e instabilità. In una classe di prodotti Apple tende a non rivoluzionare mai i pilastri su cui si fonda, cercando di rendere il passaggio al modello successivo innovativo ma fluido allo stesso tempo.
  • Religione: negli anni Apple è diventata per molti un vero e proprio culto, grazie sopratutto alla figura e alle strategie del grande Steve Jobs. Molti concetti e strategie utilizzate dal brand hanno l’obiettivo di portare ad una venerazione del brand.
  • Presenza costante: i prodotti di Apple coprono tantissime aree di utilizzo, per cui chiunque sia un cliente di Apple avrà sempre i prodotti presenti nella propria vita quotidiana, consolidando l’attaccamento al brand.

Tutti questi elementi ben equilibrati tra di loro hanno reso Apple molto più di un’azienda, un vero e proprio ecosistema.

Conclusioni

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti sia stato utile per conoscere questo caso di successo di marketing.

Ricordati che se vuoi comprendere e sfruttare il digital marketing puoi seguire Digital flow su Instagram, dove pubblichiamo contenuti utili per chi vuole conoscere meglio questo mondo.

Ti consiglio inoltre di iscriverti alla newsletter, in questo modo riceverai un avviso ogni volta che uscirà un nuovo articolo sul blog e riceverai dei contenuti esclusivi, ovviamente a tema digital marketing.

In questo articolo ti ho parlato di Apple, un caso di successo di marketing, per questo contenuto è tutto, a presto e ricorda…

Comprendi e sfrutta il digital marketing. Oppure rimani succube del suo potere e accettane le conseguenze.

Leave a Reply

Guida Instagram "Profilo efficace"

É finalmente disponibile la nostra guida: